Bilancia tradizionale o a caraffa: confronto

Cosa scegliere: elettronica o meccanica?

Sul mercato esistono due grandi categorie in cui possiamo includere le bilance: elettroniche o meccaniche. Per coloro che sono affezionati alla tradizione, ovviamente l’acquisto andrà a ricadere su una bilancia di tipo meccanico o analogico. Questa di solito presenta un ampio quadrante per facilitare la lettura e con la funzione di tara da impostare ad ogni utilizzo, riportando così la lancetta a zero. Le bilance da cucina meccaniche sono meno precise di quelle digitali, ed hanno un costo inferiore rispetto a queste. I modelli digitali infatti hanno prezzi più elevati di mercato e inoltre la loro misurazione è molto più precisa, e esente da errori.

Queste bilance presentano un funzionamento a batteria, assicurano anche una certa rapidità nella fase di misurazione e un lavoro quindi in completa autonomia. Infatti basta soltanto spingere il pulsante corretto. Le bilance meccaniche e digitali a uso domestico arrivano di solito ad una portata massima di 5 kg, ma ci sono alcune bilance specifiche che consentono di pesare anche i grammi.

Esistono infine dei modelli professionali sia meccanici che digitali, in grado di effettuare misurazioni consistenti di svariati kg. La scelta di un tipo di bilancia rispetto ad un altro va in base alle nostre esigenze personali e professionali.

Le funzioni basilari in una bilancia

Un altro aspetto da tenere bene a mente, prima di comprare una bilancia, è quello di valutare le sue funzioni. Non è sempre l’azienda a determinare un ottimo funzionamento, sta a noi trovare il prodotto che fa davvero al caso nostro in base ad esigenze.

I modelli digitali presentano nella loro struttura un piano d’appoggio orizzontale, sopra il quale dobbiamo poggiare il recipiente per effettuare la misurazione del peso: potremmo trovare in dotazione anche un piatto che funge da contenitore per gli ingredienti da pesare.

Inoltre, le bilance digitali ci permettono di misurare sia liquido che solito e sono disponibili in diverse unità di misura. Se vogliamo una misurazione molto pratica allora si può optare per un modello dotato di auto taratura e spegnimento di tipo automatico.

Le bilance meccaniche invece presentano delle  ciotole di solito abbastanza capienti, che possono essere rimosse anche, per permettere una certa versatilità di utilizzo. Uno dei vantaggi delle bilance tradizionali che sono meccaniche, è quello di non dipendere nella loro funzione principale di misurazione da una batteria che può esaurirsi.

Il fattore design ha la sua importanza

L’aspetto estetico non sembrerebbe un fattore importante quando decidiamo di comprare una bilancia. Invece anche il design di questo prodotto riveste un ruolo decisivo per la scelta, almeno per chi ha una certa attenzione o cura “visiva“. Infatti in base alla cucina che abbiamo, una bilancia digitale potrebbe stonare ed essere sgradevole alla vista. Come la stessa cosa potrebbe accadere ma in modo inverso, se invece la nostra cucina è decisamente moderna e all’interno vediamo “sbucare” una bilancia meccanica. Poi esistono anche dei modelli vintage però, che vanno molto di moda, ma non si tratta di bilance “vecchie“, ma che richiamano la tradizione.

Quale tra le due bilance risulta la migliore?

La precisione nella misurazione però risulta forse l’aspetto da prendere maggiormente in considerazione, alla fine a questo deve servire una bilancia: a misurare con precisione le dosi dei nostri ingredienti. Come già abbiamo visto le bilance digitali sono le più precise, ma questo non significa che siano tutte adatte a quello che è il nostro utilizzo. Anche perché esistono davvero tantissimi tipi di bilance digitali, come ad esempio quelle a cucchiaio o a caraffa che vedremo tra poco più nel dettaglio. Per scegliere la bilancia giusta che fa davvero al caso nostro, dobbiamo preoccuparci di capire in primis quali sono le nostre esigenze. Da qui possiamo optare per una bilancia che pesa i kg o i grammi, che abbia un certo range di misurazione e che sia adatta alle preparazioni in cui intendiamo maggiormente cimentarci.

Caraffa con bilancia MEDIA WAVE

Questo modello di bilancia prevede una caraffa con scala graduata di misurazione, la caraffa è completamente staccabile per poter leggere bene la misurazione e per poter lavare il contenitore quando serve. Si possono mescolare anche gli ingredienti di tipo diverso usando la funzione del peso Tara.
La capacità della caraffa è graduato da 1 litro e presenta una funzione di spegnimento di tipo automatico. La bilancia non può essere lavata in lavastoviglie, presenta uno schermo LCD di facile lettura. E inoltre può misurare fino a 2 kg.

Bilancia digitale con caraffa SOEHNLE

Questa bilancia con ciotola risulta molto elegante, e allo stesso tempo è anche pratica. Infatti permette di risparmiare una grande quantità di tempo attraverso la “Bilancia” contenitore Baking Star. Con questa sarà possibile quindi pesare gli ingredienti liquidi in modo semplice uno dopo l’altro, senza alcun problema e poi pesare tutto insieme in una sola formula. Presenta anche la capacità di pesare un carico  fino a 3 kg / 3 l, inoltre ha 1-g di graduazione di precisione. Molti clienti la trovano ottima per misurare con praticità e rapidità liquidi quali latte, olio o acqua. Inoltre la caraffa si può tranquillamente staccare ed essere lavata senza problemi in lavastoviglie.

Conclusioni: tipi di bilance digitali

Per quanto concerne la scelta della bilancia giusta, sono tanti i fattori da prendere in considerazione. Ma la cosa non è così ardua e abbiamo inoltre una vasta proposta di modelli. Andiamo dal meccanico al digitale, dove troviamo bilance con caraffa e misurazione tramite display LCD e graduazione oppure bilance a cucchiaio. Queste ad esempio sono molto comode, perché non dobbiamo usare cucchiai e sporcarli continuamente per prendere farina, zucchero e così via e metterli nel piatto della bilancia. Inseriamo infatti direttamente il cucchiaio della bilancia stessa, prendiamo una manciata di farina, zucchero o spezie e la misurazione sarà istantanea.

Il prezzo varia in base al tipo di bilancia, se digitale o meccanica in primis, e poi muta a seconda della portanza massima e delle funzioni. Un’altra cosa da considerare sono le dimensioni e il peso della bilancia stessa, il numero delle batterie anche. Di solito una bilancia digitale di media qualità ha un costo di circa 15 euro.

Studentessa universitaria di filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Bilance da Cucina migliori